Una notte da leoni a Los Cristianos: muore turista

0
99
Il veicolo sequestrato e con il quale Kevin D. si è schiantato sull'autopista TF-1
Il veicolo sequestrato e con il quale Kevin D. si è schiantato sull'autopista TF-1

Sembra la trama di uno dei film della saga de Una notte da leoni, ma è una storia vera accaduta e terminata in tragedia ieri (ndr, 1 settembre) a Los Cristianos.

Un turista come tanti, arrriva in vacanza a Tenerife e decide di uscire per una serata alcoolica la stessa sera. La festa continua fino al mattino successivo quando decide di rubare una vettura in un centro commerciale con una donna all’interno che è rimasta ferita per essersi gettata dall’auto in corsa. Successivamente si schianta sulla TF-1, provocando un ingorgo. A quel punto cerca di ripetere il furto sequestrando un altro veicolo, ma la donna alla guida questa volta si è messa a gridare attirando l’attenzione degli altri automobilisti fermi nell’ingorgo. Perciò decide di sottrarre la moto ad un altro cittadino, per poi continuare correndo sull’autopista saltando lo spartitraffico. Dopo di ciò si sa solo come è finito: morto, in circostanze ancora da chiarire, nella rotonda all’ingresso di Los Cristianos. Scalzo ed in bermuda.

É l’incredibile peripezia di cui si è reso protagonista un turista britannico di 30 anni indentificato come Kevin D. Il suo cadavere indossava ancora il braccialetto del resort dove non è mai arrivato a dormire, dal momento che era uscito a far festa durante la sua prima notte sull’isola. Sembra che i suoi due amici, che hanno perso le sue tracce durante notte, abbiano riconosciuto agli investigatori la sua fama di “imprevedibile” quando ingerisce alcool a sufficienza.

Comunque siano andate le cose, ciò che è certo è che Kevin approfittò, alcuni minuti prima delle due del pomeriggio del 31 agosto, del fatto che il conducente di una Mitsubishi stesse scendendo dalla sua vettura nei pressi del Centro Commerciale San Eugenio, per rimpiazzarlo al volante portando via la macchina, davanti allo sguardo attonito della donna seduta sul sedile del passeggero, che dopo pochi istanti preferí gettarsi dall’auto in corsa, cosa che la procurato diverse ferite, la cui portata reale avrebbe potuto portare a un esito ben più grave.

Si sa che successivamente Kevin si è schiantato sulla TF-1 con la Mitsubishi, nei pressi dell’uscita di Los Cristianos, provocando un ingorgo incredibile. Questa volta è entrato in un’altra automobile dal lato del accompagnatore, però la conducente è riuscita a scappare dal suo lato, allertando gli altri automobilisti. L’emblematico personaggio ha quindi optato per una soluzione differente, uscendo dalla vettura e tentando la fortuna con un motociclista che però è riuscito a scongiurare facilmente il pericolo del furto. Un altro testimone ha spiegato agli agenti di averlo visto correre sull’autopista, staltando lo spartitraffico centrale.

Poco prima delle sette del pomeriggio, due turisti hanno segnalato la presenza di un cadavere vicino alla rotonda all’iingresso di Los Cristianos. Il corpo senza vita era di un uomo di razza bianca e non riportava la presenza di segni que evidenziassero una aggressione esterna, benché fosse scalzo ed indossasse appena dei burmuda di colore nero con tonalità di verde. Gli specialisti della Policìa Nacional che hanno ricostruito in alcune ore il rompicapo, hanno scoperto che si trattava di Kevin. Con il braccialetto del resort dove non è mai arrivato a dormire.

Il veicolo sequestrato e con il quale Kevin D. si è schiantato sull'autopista TF-1 (foto Diario de Avisos)
Il veicolo sequestrato e con il quale Kevin D. si è schiantato sull’autopista TF-1 (foto Diario de Avisos)

fonte: diariodeavisos.elespanol.com

Comments

comments