“Arona Golosa” per un San Valentino da leccarsi i baffi

0
137

Dal 1 al 17 febbraio in occasione del San Valentino Arona celebra per il sesto anno consecutivo, “Arona Golosa’ . L’evento offre la possibilità di fare un percorso di degustazione di dolci fatti a mano dalle panetterie, caffetterie, gelaterie, pasticcerie e ristoranti del comune, finalisti scelti per partecipare a questa promozione.
I clienti che desiderano partecipare a questo percorso dovranno presentare il biglietto pubblicato con l’elenco degli stabilimenti partecipanti, la loro posizione e il nome delle loro proposte per il percorso. Questo biglietto può essere ritirato presso la sede delle associazioni o scaricato direttamente sui siti Web di entrambe le associazioni.
Inoltre, i clienti faranno il percorso stampando il loro biglietto in ogni stabilimento completando il tour per optare per i tre premi che verranno sorteggiati il 17 febbraio: una notte in hotel a Tenerife per due persone in bed and breakfast, una scatola di vino canarino e un buono / cibo da 50 euro per il consumo o l’acquisto di prodotti presso uno degli stabilimenti associati.
Allo stesso modo, le proposte delle aziende partecipanti saranno valutate da una giuria formata da un rappresentante della Camera di commercio di Santa Cruz de Tenerife, rappresentante di un media specializzato in gastronomia e rappresentante delle associazioni, che opta per altri tre premi Il primo premio consiste in un assegno pubblicitario di € 150 in supporto online e il secondo e terzo premio in € 100 e € 50, rispettivamente.
Le aziende partecipanti sono Planet Goloso a Los Cristianos con la loro proposta Bubble Waffle;Pasticceria La Canela in Valle San Lorenzo con “Le labbra di fragola dal sapore d’amore”, Ristorante Doña Juana a Cabo Blanco con una mousse al cioccolato e frutto della passione; Dolci a Las Galletas con “delizie alla fragola”; Pasticceria Tentaciones a Buzanada con il suo ‘Tarta Mar’; La Fábrika a La Camella con un ‘Bizcocho Sensaciones’; e Restsur Catering a El Fraile con un “chajá de frutilla y jammelada”.

Comments

comments