Fallisce Thomas Cook, 600 mila turisti nei guai

0
222

LA BANCAROTTA PIÙ GRANDE DEI NOSTRI TEMPI!

È fallito ieri sera il tour operator inglese Thomas Cook, senza alcun preavviso. Lascia a terra nelle sole Isole Canarie più di 100.000 turisti, dei quali 35.000 a Tenerife, che dovranno essere rimpatriati. Nel mondo rimangono a terra oltre 600.000 persone, che al momento sono bloccate in varie destinazioni turistiche in attesa di tornare a casa. Tomas Cook aveva in programma per questa settimana 159 voli sulle Canarie. In concreto la compagnia prevedeva di operare questa settimana 53 voli con più di 11.300 posti con l’aeroporto di Tenerife Sur, 58 voli con Lanzarote per più di 6.500 posti, 30 voli con Fuerteventura nei quali avrebbero viaggiato oltre 6.800 persone. Altri 3.100 clienti avevano comprato biglietti aerei per viaggiare in uno dei 16 voli che la compagnia aveva previsto per questa settimana con l’aeroporto di La Palma e altri da e per Gran Canaria. Molti hotel da domani saranno quasi completamente vuoti, e il danno si aggrava se si pensa che Thomas Cook paga gli albergatori dopo 90 giorni: significa che gli introiti degli ultimi tre mesi di lavoro potrebbero non essere pagati. Gli hotel e le migliaia di lavoratori del settore turistico di Tenerife e in generale delle Canarie si apprestano a passare tempi neri!

Comments

comments