L’ammenda dell’Europa sarà pagata dal governo delle Canarie e dal CIATF al 50%

0
332

La Segreteria di Stato per la politica territoriale, ai sensi del Ministero della politica territoriale e del servizio pubblico, ha trasmesso alle parti che l’ammenda inflitta alla Spagna dall’ottava sezione della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) a causa della violazione della direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane nella valle di Güímar deve essere pagato, al 50%, dal governo delle isole Canarie e dal consiglio dell’isola di Aguas de Tenerife (CIATF) o, in alternativa, da quest’ultimo, dal Consiglio di Tenerife.
Il Ministero della politica territoriale e la funzione pubblica determinano che sono responsabili della violazione della direttiva sulla sanificazione.
Dall’analisi della documentazione ottenuta da tali istituzioni e dalla legislazione applicabile in materia, si conclude che “il comune o i comuni difficilmente saranno in grado di fornire il servizio se non hanno l’infrastruttura adeguata. ” Il ministero è chiaro: “L’infrastruttura è considerata lavoro idraulico e nella misura in cui, nel caso in esame, interessa più di un comune, il suo carattere sovramunicipale è evidente”.

Comments

comments