Tenerife esporta la qualità della sua acquacoltura

0
229

Tenerife esporta la qualità della sua acquacoltura.
La produzione di orata, spigola e corvina, che ha generato 43 milioni di euro, è destinata al 90% per i mercati peninsulare e britannico.
Dopo alcuni anni di crisi l’acquacoltura nelle Canarie inizia a prendere il posto strategico nel settore della pesca. Uno dei passi per rafforzare il mercato nazionale, per competere con Grecia e Turchia, è accaduto nel 2015 quando un gruppo di produttori di Apromar ha deciso di compiere un passo che ha segnato una pietra miliare nella storia dell’acquacoltura spagnola ed europea: creare il sigillo di Crianza De Nuestro Mares.Questo sigillo contraddistingue la qualità di un pesce che in 24 o 36 ore, anche in alcuni casi nello stesso giorno, viene posto negli espositori dei grandi supermercati.
La dieta dei pesci d’acquacoltura si basa esclusivamente su mangimi disidratati che soddisfano i severi regolamenti sanitari. La principale materia prima di questi mangimi è di origine marina, ma  vengono utilizzate sempre più materie prime, provenienti dall’agricoltura terrestre. L’ingrasso dei pesce nei vivai può durare tra 18 mesi e 2 anni.

Comments

comments